Demolizioni avanti tutta senza soluzione di continuità.

In ogni parte d'Italia ci vengono segnalati spostamenti di materiale da mandare probabilmente alla riduzione volumetrica, termine meno "crudo" per definire la demolizione.

In rigoroso ordine sparso, qualche giorno fa sono state trasferite da Marcianise a Benevento tre ALn 668, la .1824, la .1830 e la .1840.

Nella giornata di ieri, invece, dopo aver lasciato Lecce alla volta di Taranto, altre tre ALn 668 sono state fermate a Martina Franca, trainate dalla DE 122 414.

Si tratta dell'aggregato composto dalla ALn 668.1906, dalla ALn 668.1918 e dalla ALn 668.1929 la cui sorte sembra però ancora non decisa, visto che nonostante le condizioni della prima unità potrebbe trattarsi di un normalissimo invio per manutenzione.

Come sempre vediamo di riepilogare qualche numero per coloro che preferirebbero rotolarsi nel concio pur di non rimanere senza dati (e noi siamo tra questi).

La ALn 668.1824 è una FIAT del 1971 parimenti alla .1830 mentre la .1840 è dell'anno successivo, ossia del 1972. Per quanto riguarda le altre tre di cui sopra la ALn 668.1906 è una Savigliano del 1975 mentre la .1918 è prodotta sempre da Savigliano ma del 1976. La .1929 è dello stesso anno della precedente ma prodotta da Omeca.

Per concludere, oggi si sarebbe mossa, trainata, anche la ALn 668.3230 da Reggio Calabria a Bari Lamasinata. Essendo questa una macchina relativamente più giovane (Savigliano, 1982) non è escluso che anche in questo caso si sia spostata per un motivo diverso. Torneremo in argomento quando avremo dati più certi.

Come sempre, ricordiamo che queste notizie sono desunte osservando gli spostamenti in linea, motivo per il quale alle volte si suppone i mezzi siano destinati al taglio. Le indicazioni sono quindi da prendere con le relative precauzioni.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia