Avanti tutta con le demolizioni e di questo passo negli scali a breve non ci sarà più nulla di "vecchio".

Nella giornata di ieri altri movimenti da "ultimo o penultimo" viaggio per mezzi motorizzati e non. Come sempre ci concentriamo sui primi, non per mancanza di interesse verso i secondi ma per la minore quantità.

Nella mattinata sono stati due i treni che hanno mosso. Il primo ha viaggiato da Alessandria a San Giuseppe di Cairo. Titolare la E.655.426 che dietro di sé, oltre ad alcune vetture, aveva anche la ALe 801.047 e la ALe 801.053.

Entrambe sono di costruzione Stanga-Marelli ma la prima datata 1978 mentre la seconda 1979.

Nel mentre, da Milano Greco Pirelli, hanno mosso altre due E.444R, destinate nel loro penultimo viaggio a raggiungere Savona. In questo caso alla trazione c'era la E.402B.140 che trainava alle sue spalle la E.444R.073 e la E.444R.095.

In questo caso la prima è una Casaralta-Italtrafo datata 1974 e Riqualificata nel 1995 mentre la seconda è una Reggiane-Marelli del 1973 Riqualificata nel 1973. Queste macchine dovrebbero muovere su San Giuseppe di Cairo già nella giornata di oggi.

Alla luce di ciò, considerando solo le unità di serie, su 113 macchine costruite ne sono già state smantellate ben 44 che portano il totale di quelle rimaste a 69.

Foto di Iacaopo Grappiolo e Alberto Catona, video di Carmelo Mulé

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia