Domenica 16 settembre si è svolta la prima mondiale del primo treno al mondo a celle a combustibile a idrogeno di Alstom, - uno dei maggiori produttori di ferrovie d'Europa, - alla presenza del ministro dell'Economia e dei trasporti della Bassa Sassonia, del ministero federale dei trasporti e delle autorità di trasporto della Landesnahverkehrsgesellschaft Niedersachsen (LNVG) e Eisenbahnen und Verkehrsbetriebe Elbe-Weser (EVB) a Bremervörde.

Il Coradia iLint, costruito da Alstom a Salzgitter, in Germania, è equipaggiato con celle a combustibile che convertono l'idrogeno e l'ossigeno in elettricità, eliminando così le emissioni inquinanti legate alla propulsione. Dal 17 settembre due di questi treni entreranno in servizio commerciale in Bassa Sassonia.
Per il momento, saranno i viaggiatori della rete Elbe-Weser di EVB che potranno viaggiare sui treni a bassa emissione sonora e a emissioni zero che raggiungono i 140 km / h.

In servizio per LNVG, i treni iLint Coradia viaggeranno su quasi 100 km di linea tra Cuxhaven, Bremerhaven, Bremervörde e Buxtehude, in sostituzione della flotta diesel esistente di EVB.
I nuovi treni saranno alimentati in una stazione di rifornimento di idrogeno mobile. L'idrogeno gassoso verrà pompato nei treni da un container d'acciaio alto 40 piedi situato accanto ai binari della stazione di Bremervörde.
Con un solo pieno, questi treni sono in grado di viaggiare per un giorno intero, grazie ad un'autonomia totale di 1000 km. Una stazione di rifornimento fissa nei locali dell'EVB entrerà in funzione nel 2021, quando Alstom consegnerà altri 14 treni iLint Coradia a LNVG.

“Questa è una rivoluzione per Alstom e per il futuro della mobilità: il primo treno al mondo a celle a combustibile a idrogeno sta entrando in servizio passeggeri ed è pronto per la produzione in serie”, sottolinea Henri Poupart-Lafarge, Presidente e CEO di Alstom”.
Soddisfatto il ministro dell'economia e dei trasporti della Bassa Sassonia, il cui dipartimento ha sostenuto l'acquisto da parte di LNVG di altri 14 treni a idrogeno con oltre 81 milioni di euro: “Con i test che iniziano oggi, la Bassa Sassonia sta svolgendo un vero lavoro pionieristico nel trasporto locale in collaborazione con Alstom ed EVB. La tecnologia di trasmissione senza emissioni dei Coradia iLint offre un'alternativa ai treni diesel convenzionali rispettosa del clima, in particolare su linee non elettrificate”, spiega. “Il governo statale della Bassa Sassonia è orgoglioso di questo progetto in collaborazione con LNVG”.

Il governo federale ha sostenuto attivamente lo sviluppo e il collaudo della nuova tecnologia in Bassa Sassonia, fornendo fondi dal Programma nazionale di innovazione per la tecnologia a idrogeno e celle a combustibile.
Enak Ferlemann, commissario del governo federale per il trasporto ferroviario e segretario di Stato parlamentare del Ministero federale dei trasporti e dell'infrastruttura digitale, riassume in breve: “Un’anteprima mondiale in Germania. Stiamo mettendo sui binari il primo treno passeggeri con tecnologia a celle a combustibile. Questo è un segnale forte per la mobilità del futuro. L'idrogeno è un’alternativa reale ed efficace e a basse emissioni al diesel. Questi treni possono essere gestiti in modo pulito e in modo ecologico, soprattutto su tratte secondarie in cui le linee aeree sono troppo costose o non ancora disponibili.

Per il capo della LNVG Carmen Schwabl, ha un ruolo pioneristico nazionale: “Con i due treni iLint Coradia e con l'uso di altri 14 treni a idrogeno dalla fine del 2021, siamo la prima società di trasporto ferroviario di passeggeri a sostituire i veicoli diesel esistenti con veicoli a emissioni zero, contribuendo così al raggiungimento degli obiettivi di tutela del clima. L'amministratore delegato di LNVG guarda al futuro: “Lo facciamo anche perché circa 120 convogli diesel nel nostro parco rotabili raggiungeranno la fine della vita nei prossimi 30 anni, e dovremo sostituirli. L'esperienza acquisita con questo progetto ci aiuta a trovare una soluzione sostenibile e pratica”.

Con circa 2 milioni di passeggeri ferroviari e circa 4 milioni di passeggeri di autobus all'anno, EVB figura tra i maggiori fornitori di mobilità nel triangolo Elbe-Weser. L'azienda che vanta una storia di oltre 100 anni e circa 550 dipendenti, attende con impazienza il "treno del futuro".
Marcel Frank, Amministratore delegato di EVB, sottolinea: “È una pietra miliare che utilizzeremo il primo treno al mondo a idrogeno nella nostra rete Elbe-Weser nel servizio passeggeri tra Cuxhaven, Bremerhaven, Bremervörde e Buxtehude, non solo per la regione e per noi, ma anche per il trasporto ferroviario di passeggeri in tutto il mondo. Per EVB, questo è l'ingresso alla mobilità senza emissioni”.

Foto e video Alstom

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia