Il Treno di Noè è regolarmente giunto a Roma nella nottata appena trascorsa.

Il convoglio, partito il 18 dicembre da Katowice, è giunto nel nostro paese dopo aver fatto tappa a Vienna, Berlino, Parigi e Bruxelles.

Ne abbiamo già parlato, ma oggi entriamo un po' più nel dettaglio del treno stesso.

Iniziamo con i carri che lo compongono e le loro marcature:

21 51 345 9 701-6
21 51 345 9 725-5
31 81 499 3 061-8
25 80 442 6 361-8
21 80 442 6 665-6
33 87 491 3 015-3
33 87 491 3 005-4
33 88 455 4 528-8
33 88 455 4 160-0
31 83 458 9 813-0
31 83 458 9 494-9

Come si può vedere ci sono due carri polacchi, uno austriaco, due tedeschi, due francesi, due belga e due italiani.

Per quanto riguarda la trazione abbiamo avuto la ET25-003, la 1016 020, la 185 023, la BB 27068, la 186 255 e la nostra E.652.123.

I membri della coalizione che compongono Rail Freight Forward sono BLS Cargo, CD Cargo, CFL Cargo, DB Cargo, GreenCargo, Lineas, LTE Group, Mercitalia Rail, Ost-West Logistik, PKP Cargo, Rail Cargo Group, SBB Cargo, SNCF Logistics e ZSSK Cargo, il tutto con il supporto di CER, UIC, ERFA e VDV.

Ricordiamo che In ogni città, due container sono stati dipinti da artisti di strada locali per sensibilizzare il pubblico sulle potenzialità della ferrovia come soluzione per i problemi di clima, salute e mobilità.

La ferrovia emette 9 volte meno CO2 del trasporto stradale, causa un inquinamento atmosferico 8 volte inferiore ed è 6 volte più efficiente dal punto di vista energetico.

Il treno colorato sottolinea l'ambizione del settore del trasporto ferroviario di aumentare la quota modale al 30% entro il 2030.

Tutte le foto del Treno di Noè sono disponibili cliccando qui.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia