Buona la prima per i nuovi ETR 700 di Trenitalia.

Nella giornata di oggi c'è stato infatti il battesimo per il "nuovo" treno che ha circolato con due convogli tra Ancona e Milano Centrale.

Come accade da che mondo è mondo, quello che resterà agli onori della cronaca per sempre sarà il primo dei due, che andiamo brevemente a riepilogare.

Si tratta del Frecciargento 8802 effettuato con l'ETR 700 n.10 che secondo quanto riportato dal Viaggiatreno è partito con un minuto di ritardo dalla stazione marchigiana alle 5.01 di oggi.

Il leggerissimo ritardo è diventato orario a Pesaro dove è giunto alle 5.26 ripartendo alle 5.29 ancora una volta con un minuto sulla tabella.

A Rimini il treno si è presentato alle 5.44 con ben 4 minuti di anticipo, partendo in orario alle 5.50. In anticipo anche a Cesena alle 6.03, tre minuti prima del previsto con partenza alle 6.08 con un minuto di ritardo.

Ancora una volta in arrivo prima del tempo a Forlì, sempre con 4 minuti di anticipo alle 6.15 con ripartenza in orario alle 6.20. Leggero anticipo anche a Faenza, con un minuto, alle 6.27 e ripartenza con 60 secondi di ritardo alle 6.30.

Il vero exploit arriva però a Bologna Centrale dove il convoglio si attesta al binario 1 alle 6.51 con ben 10 minuti di anticipo sulla tabella di marcia, ripartendo in orario alle 7.05.

Anche le stazioni seguenti vedono il treno arrivare anzitempo e ripartire in orario, 2 minuti prima a Modena, 1 a Reggio Emilia e 2 a Parma.

A Piacenza nuovo anticipo "forte", visto che sono ben 7 i minuti che guadagna rispetto all'orario, fermandosi al binario 3 alle 8.15 anziché alle 8.22.

Qualche problema arriva invece nel nodo di Milano col treno che si presenta a Rogoredo alle 8.59 con 3 minuti di ritardo, che tuttavia non gli impedisce di attestarsi a Milano Centrale alle 9.08 con due minuti di anticipo.

Una ottima "prima" dunque, per gli ex Fyra, non tanto per l'orario sostanzialmente rispettato, quanto perché la sensazione è che si possa osare di più e che visti i continui anticipi sia possibile ridurre il tempo di percorrenza tra le città.

Probabilmente questo è dovuto alla diversa tipologia dei due convogli, con la forte accelerazione dell'elettrotreno rispetto a quella delle E.414 che fa la differenza.

Quali che saranno le decisioni di Trenitalia, ben arrivato, ETR 700!!

Foto Matteo Bottegal e Luca Faggi

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia