Una vicenda scabrosa ai limiti dell’incredibile è accaduta su un convoglio francese delle SNCF da Parigi a Poitiers.

Tutto comincia quando Natacha Bras, 37 anni, in viaggio su un treno diretto da Parigi a Poitiers, riferisce che un uomo avrebbe cambiato posto per avvicinarsi a lei. Poco dopo, come nulla fosse, l’uomo avrebbe iniziato a masturbarsi continuando per gran parte del viaggio.

La signora Bras, che è vicepresidente di MoiAussiAmnesie, un gruppo che fornisce supporto alle vittime di violenza sessuale, ha ripreso il fatto con il suo cellulare e successivamente, ha pubblicato il video online visualizzato più di 110.000 volte.

Pubblicando il video, Bras ha scritto: “Parigi-Poitiers del TGV (circa 1h15) con un ragazzo che cambia posto e si siede di fronte a me, mi guarda e si masturba ... c’è ancora del lavoro! Non c’è motivo per non visualizzarlo, quindi metto qui il video!”.

La donna ha aggiunto che a un certo punto l’uomo, non identificato, l’ha seguita verso il bagno nella carrozza del treno che era quasi vuota. A quel punto, spaventata, ha spiegato di aver iniziato le riprese perché: “pensavo che potesse essere il mio unico modo per difendermi”.

Ora la Bras è finita nel mirino della giustizia francese per una questione di privacy, dal momento che non ha oscurato il volto del giovane. La donna ha condiviso sui social la preoccupazione di poter essere punita con una pena detentiva e persino una multa di 45.000 euro “per violazione della privacy dell’uomo, perché non avevo il suo consenso”.

SNCF ha risposto al post, scusandosi per le “condizioni difficili” affrontate dalla signora Bras.

L'articolo integrale su il Messaggero.it.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia