Questa mattina, una decina di associazioni e movimenti provenienti da tutta la Calabria ha organizzato un sit-in per lanciare l’allarme sulle drammatiche condizioni del trasporto ferroviario nella regione.

La protesta si è tenuta davanti alla stazione di Catanzaro Lido con l’obiettivo è di sollecitare interventi concreti sia da parte del governo nazionale che dalla Regione.

A spiegare le ragioni della mobilitazione, dal titolo “Ferrovia bene comune”, è stato Domenico Gattuso, presidente del “Ciufer” (Comitato italiano utenti ferrovie regionali) e del movimento “10 Idee per la Calabria”, tra i promotori dell’iniziativa.

“Riteniamo necessario e urgente – ha spiegato Gattuso – risalire la china per quanto riguarda il sistema ferroviario regionale, che è ormai un colabrodo. I calabresi continuano a essere presi in giro con proposte come quella del ‘FrecciargentoSibari-Bolzano, che invece, a nostro avviso, è probabilmente destinata al fallimento, mentre la Calabria è stata lasciata in uno stato terribile, come dimostrano le denunce quotidiane degli utenti, in particolare dei pendolari: la gente non viaggia più in treno – ha aggiunto – e, se viaggia, viaggia lentamente, le stazioni sono abbandonate, gli investimenti annunciati non si sa come siano stati utilizzati, l’elettrificazione è sostanzialmente al palo, si sono persi migliaia di posti di lavoro, oltre 12 mila negli ultimi anni”.

 

Gattuso ha quindi aggiunto: “Le nostre sono sempre state richieste semplici, e cioè treni regionali di qualità, un programma di esercizio ordinato, integriamo gomma e ferro, reintroduzione dei treni a lunga percorrenza lungo la dorsale tirrenica e jonica, insomma creazione di un sistema razionale con treni veloci, regionali e d raccordo, come si faceva una volta.

La questione dei trasporti ferroviari in Calabria – ha proseguito il presidente del ‘Ciufer’ e di ’10 Idee per la Calabria’ – è evidentemente anche politica, che finora è stata un muro di gomma e deve assumersi adesso una responsabilità seria, a livello nazionale e soprattutto regionale: perché il drammatico quadro delle ferrovie in Calabria oggi ha anche un costo sociale ed economico ormai insostenibile”.

Gattuso ha concluso affermando: “Chiediamo che la Calabria sia messa sulla stessa linea degli standard delle altre regioni dEuropa. Noi proseguiremo le nostre battaglie anche nelle prossime settimane”.

Al sit-in alla stazione di Catanzaro Lido, oltre a “Ciufer” e “10 Idee per la Calabria” hanno partecipato anche rappresentanti di numerose associazioni comprensoriali come “Apj” (Associazione pendolari jonici), “Alfi” (Associazione locridea ferrovia jonica), “Acfj” (Associazione crotoniate ferrovia jonica), “Apr” (Associazione pendolari regionali), “Afiag” (Associazione ferrovia jonica area grecanica), “Afì” (Associazione ferrovia jonica, area Catanzaro) e di altri movimenti locali.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia