Tante le notizie riguardanti il futuro delle ferrovie attorno al nodo di Bergamo.

Partiamo dal raddoppio, che anche se la tratta interessata nominalmente continua a essere la Ponte San Pietro-Montello, è evidente che ormai la decisione è di fermarlo a Curno; qui c'è anche un problemi di costi.
Per realizzare il raddoppio serviranno 170 milioni solo per la prima fase, cioè il raddoppio fra Curno e Bergamo più il potenziamento tecnologico del tratto Bergamo-Montello.

Questa notizia è stata tratta dall'edizione online del Corriere di Bergamo.

I lavori inizieranno nel giugno 2021 per terminare nel marzo 2024, aumentando il numero di treni l’ora da sei a dieci.

Una situazione sicuramente migliore è quella fra Bergamo e Orio. 

Qui i lavori inizieranno a marzo 2021 e il primo treno passerà a dicembre 2023.
Sono previsti 10 minuti per andare dall’aeroporto a Bergamo e un’ora intera per scendere a Milano Centrale.

Il ponte di Calusco, invece, riaprirà a fine marzo intanto per il traffico ciclopedonale, mentre a dicembre 2019 dovrebbe essere il momento delle auto e infine a novembre 2020 ricominceranno a passare i treni. Costo del ripristino: 21,6 milioni.

Le stesse Ferrovie hanno allo studio un tracciato e un progetto per la realizzazione di una nuova struttura che consentirà il raddoppio della linea ferroviaria.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia