Italiani, popolo di eroi, di santi, di poeti, di artisti, di navigatori, di colonizzatori e viene da dire anche di personaggi bizzarri...

Nella giornata di ieri, in quattro sono stati sorpresi senza biglietto sull‘Intercity Milano-Ventimiglia ed hanno ostacolato le operazioni per la loro identificazione provocando un ritardo di 40 minuti al treno.

Il fatto è successo a Pavia e i quattro, un 43enne di Verona, un 37enne di Messina, una 37enne di Savona e un 26enne di Ancona, sono stati denunciati dai Carabinieri per interruzione di pubblico servizio e rifiuto di fornire le generalità.

Fin qui nulla di strano, non fosse per il fatto che i quattro hanno pensato bene di mostrare al capotreno e ai carabinieri un foglio plastificato di “autodeterminazione”, dichiarando di essere “soggetti di diritto internazionale pregiuridico”, “ambasciatori diplomatici fuori da ogni giurisdizione planetaria”, e “stati di sé stessi”.

Come se questo non bastasse, secondo il loro giudizio il controllo effettuato dal capotreno costituiva un “attacco a uno Stato libero perseguibile dalla corte mondiale”, visto che loro erano “cittadini del mondo” con il diritto di viaggiare gratis.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia