Sanzioni amministrative per un totale di 10.328 euro e un corposo sequestro sono il risultato dell’attività della Polfer del Lazio nella giornata di venerdì 26 aprile volta in particolare al contrasto della vendita abusiva di alimenti e bevande sui treni.

“Sui treni regionali della tratta RomaOrte – si legge nella nota della questura la polizia ferroviaria avrebbe sorpreso, nell’atto di vendere alimenti, una persona di origini casertane che, seppur sprovvista di ogni autorizzazione necessaria per tale attività, è risultata munita di un attrezzatissimo carrellino portavivande con esposti contenitori termici per caffè e the, panini, biscotti vari e bibite alcoliche e analcoliche”.

Dopo aver completato l’attività amministrativa la pattuglia ha ripreso il viaggio di ritorno verso Roma, sorprendendo un altro soggetto intento a vendere abusivamente alimenti e bevande anch’egli munito di identica attrezzatura e varietà di beni offerti dall’uomo sanzionato sul treno di andata.

Durante l’identificazione gli agenti hanno scoperto che si trattava del figlio del venditore abusivo sanzionato durante la tratta di andata.

“I due soggetti, di origini campane e componenti dello stesso nucleo familiare – si legge ancora nella nota della Polfer -, sarebbero apparsi quindi ben organizzati per garantire il servizio abusivo, uno sui treni verso nord e l’altro su quelli verso sud. Sono spesso i viaggiatori stranieri, che utilizzano il mezzo ferroviario per motivi di turismo, a cadere nella rete dei venditori abusivi che provano ogni espediente per guadagnare illecitamente la cosiddetta ‘giornata’.

I rischi per la salute, a cui si va incontro con lacquisto di prodotti alimentari confezionati e conservati senza il rispetto dei criteri igienici imposti dalla legge sono alti – continuò la nota -; è risaputo che sono vari gli agenti patogeni e le sostanze tossiche che possono essere veicolati da questi alimenti determinando nell’uomo diverse malattie acute come epatiti e malattie gastro-intestinali capaci di provocare seri danni per la salute o comunque rovinare nel migliore delle ipotesi la vacanza con un forte e prolungato mal di pancia. Pertanto si rinnova l’invito della polizia di Stato a non acquistare in nessun caso alimenti così posti in vendita ed a segnalare la presenza di venditori abusivi sui treni al personale ferroviario di bordo o direttamente alla polizia ferroviaria”.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia