FlixBus va all'assalto del Sud Italia, un territorio evidentemente dalle potenzialità ancora inespresse perché penalizzato dal gap infrastrutturale.

L’obiettivo spiega Andrea Incondi, managing director di Flixbus Italia, è “ristabilire un legame tra i passeggeri e il territorio, non soltanto agevolando i flussi verso le maggiori città del Mezzogiorno, ma anche incentivando la scoperta di località minori di bellezza inaspettata, ancora poco note ai più”.

Aumentano dunque le tratte servite. in Campania, ad esempio, oltre all'incremento dei collegamenti verso Napoli, Salerno e Caserta, l’operatore ha aumentato le corse verso mete di interesse storico come Pompei, Ercolano e Paestum, ma ha potenziato anche le connessioni con località minori del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, tra cui Sicignano degli Alburni, centro medievale sede del Castello Giusso, e Polla, lanciando anche i primi collegamenti con Padula e Contursi.

FlixBus ha inoltre aumentato le corse per il Molise in partenza da Toscana, Lazio e Puglia, mentre per la Puglia fino a settembre saranno operative corse straordinarie verso Bari, collegata anche con 11 corse al giorno da Roma e Napoli, Lecce, Taranto, Andria e Trani. Anche in questo caso vengono ulteriormente potenziati anche i collegamenti per l’entroterra.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.