Buoni risultati nel 2018 per FlixBus, l’operatore dei viaggi in autobus nato in Germania e diventato leader del settore in Europa.

Da gennaio a dicembre 2018, i passeggeri trasportati nel nostro Paese sono aumentati di oltre il 50% rispetto al 2017. Un incremento che è l’effetto, sottolinea la compagnia, dell’estensione del servizio nel corso del 2018 a 450 città italiane.

In una nota della società si legge infatti che continuano a crescere per FlixBus le grandi direttrici nazionali, come Milano-Roma, Torino-Venezia e Napoli-Bari, “ma le performance più interessanti per il 2018 riguardano le rotte internazionali e quelle verso gli aeroporti e i piccoli e medi centri”.

Fra le linee che nel 2018 hanno registrato il maggiore afflusso, la Venezia-Parigi (prima in assoluto fra le linee operate dall’Italia), la Roma-Francoforte e la Torino-Zagabria, “mentre tra le mete che hanno registrato più arrivi si segnalano gli aeroporti di Orio al Serio (+89% di arrivi rispetto al 2017), Fiumicino (+215%) e Malpensa (+260%)”, sottolinea la società.

La crescita più rilevante riguarda i piccoli e medi centri: tra i comuni medi, molti hanno visto nel 2018 gli arrivi raddoppiare (come Termoli), triplicare (come Cattolica), quadruplicare (come Alba) o persino quintuplicare (come Martina Franca), è scritto nel comunicato del gruppo.

In particolare molti dei piccoli e medi centri raggiunti nel 2018 si trovano in Calabria e in Sicilia, regioni dove FlixBus è arrivata proprio quest’anno, estendendo la propria rete a circa 50 città.

“In Italia il trasporto su gomma è una realtà radicata e sono in aumento gli studenti e i giovani lavoratori fuorisede, una categoria di passeggeri sempre più digitalizzata e che infatti costituisce la maggioranza della nostra utenza”, ha commentato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia.

A livello mondiale, con una rete globale cresciuta del 40% solo nel 2018, FlixBus vanta il network di autobus intercity più capillare al mondo, con oltre 350.000 collegamenti giornalieri in 29 Paesi, Stati Uniti compresi.

“Nell’ultimo anno abbiamo portato il nostro servizio oltreoceano inaugurando il network statunitense, abbiamo lanciato FlixTrain in Germania e i primi autobus elettrici a lunga percorrenza in Francia e Germania. Abbiamo avviato nuovi mercati in Polonia e Svezia e i primi collegamenti nazionali in Belgio e Svizzera, e abbiamo introdotto nuovi servizi tecnologici a bordo della nostra flotta. E nel 2019 continueremo a crescere ancora”, ha dichiarato André Schwämmlein, fondatore e Ceo di FlixMobility.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.