Nel corso della seduta del 22 marzo, l’assessore regionale ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli è intervenuto per riferire sull’ipotesi di intesa con Trenitalia per il rinnovo del contratto di servizio fino al 2030, dichiarando: “Il nostro obiettivo è sempre stato quello dell’interesse pubblico e crediamo di averlo totalmente soddisfatto. Crediamo inoltre di aver creato le condizioni per poter espletare una vera gara nel 2030”.

Nel contratto di servizio illustrato le risorse per il rinnovo della flotta passano dagli 89 milioni previsti nell’intesa del 2014 ai 294. Gli investimenti riguarderanno il completamento della flotta Vivalto con ulteriori 4,5 composizioni; il completamento del parco treni Jazz entro il 2024; l’acquisto di 38 nuove composizioni diesel entro il 2021 e di 18 nuovi elettrotreni di ultima generazione entro il 2020.

Lo scopo perseguito è quello di migliorare l’affidabilità del servizio inteso come “regolarità e puntualità” ha detto Ceccarelli, mettendo però in evidenza come già nel 2016 la media, esclusi ritardi dovuti a cause esterne, si è attestata intorno al 95 per cento a fronte del 92 nel 2015; migliore la qualità del viaggio; tutela e diritti dei viaggiatori; gestione efficiente ed efficace da parte dell’impresa; mantenimento di un equilibrio economico tra costi del servizio, ricavi da traffico, corrispettivo contrattuale.

L’assessore ha poi evidenziato come in termini di sicurezza, l’attenzione della giunta sia “massima”. “Non è di nostra stretta competenza ma sappiamo quanto il tema sia sentito e abbiamo istituito una cabina di regia con Trenitalia, RFI e le forze dell’ordine che ho chiesto venga estesa anche al trasporto su gomma”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Correva l'anno

Treni e tecnologia