Da un lato si consegna, dall'altro, inevitabilmente, si demolisce.

Nei giorni scorsi altro materiale è partito per il taglio, elettrico e Diesel, di Trenitalia e di Trenord.

Da Catanzaro Lido sono andate a Villa San Giovanni Bolano tre ALn 668 della serie 1000 e precisamente le ALn 668.668.1041, 1043 e 1085. Come sempre non abbiamo la certezza del loro destino ma a giudicare da chi le ha viste sarebbe segnato.

Per la cronaca le prime due sono Omeca datate 1977 mentre la terza è una Savigliano del 1978.

Nel frattempo, dall'altra parte dell'Italia, la DE.520-016 ha trasportato da Cremona ad Alessandria la ALn 668.1931, la ALn 668.1047 e poi la ALe 582.016, il Le 763.163 e il Le 884.151 oltre a un'altra ALe 582 non identificata né identificabile a vista causa graffiti.

Per i dati di quest'ultima serve la palla di cristallo, per il resto bastano i libri. La ALn 668.1931 è una Omeca del 1976 mentre la ALn 668.1047 è sempre una Omeca ma del 1977. Per quanto riguarda la ALe 582.016 è una Breda Pt-Marelli del 1988, per contro il Le 763.163 è uno Stanga del 1991 mentre il Le 884.151 è un Breda Pt del 1982.

Foto di repertorio

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Treni e tecnologia